venerdì 30 marzo 2012

Ebbene sì, siamo indietro di 500 anni...



Ci aveva pensato tanto tempo fa Andrea Mantegna, a Mantova, a rendere protagonista e addirittura degno della rappresentazione della Natività un bambino speciale, con gli evidenti segni della sindrome di Down, come è stato dimostrato da studiosi inglesi. Una tela su commissione, dei potenti Gonzaga, ma anche un modo per sdoganare con 500 anni di anticipo l’immagine irresistibile di normalità che viene dai bambini e dai ragazzi con sindrome di Down.


Dal blog InVisibili di Franco Bomprezzi


www.at21.it

1 commento:

  1. Bene...
    chi tace acconsente, vedo che ne siamo consapevoli.

    RispondiElimina